Capoliveri Isola d'ElbaErbario


Erbario Piante e fiori dell'Isola d'Elba

Capoliveri Isola d'Elba :: Erbario :: Ruta (Ruta Chalepensis)

Ruta (Ruta Chalepensis)

ruta


Nome Popolare: erba ruta

Nome scientifico: Ruta chalepensis

Descrizione: la ruta è una pianticella suffrutticosa con la parte inferiore lignificata e rametti dell' anno erbacei. Le foglie sono alterne, di colore verde e grigio cenere; i fiori sono raggruppati in rami ed hanno petali di colore giallastro.

Habitat: è abbastanza frequente negli ambienti aridi dell'Isola d'Elba.

Luogo e data di raccolta: 27/02/2001 a Capo Stella

Utilizzo in medicina: impacchi di ruta

Ricetta: 10 g di ruta, 10 g di camomilla, 10 g di Eufrasia, 5 g di finocchio (semi), 1/4 di acqua bollente. Lasciate riposare per mezz' ora e filtrate con cura. Utilizzate per frequenti impacchi agli occhi.

Utilizzo in cucina: pasta con rapa e ruta

Ricetta: 400 g di fusilli, 400 g di cime di rapa, 100 g di ruta, 4 filetti di acciughe sottosale, 1 spicchio di aglio, formaggio grana grattuggiato, olio extra vergine d'oliva, sale, peperoncino rosso.

Mandate le cime di rapa dalla parte di gambo più dura e lavatele con la ruta, quindi lessate entrambi in acqua bollente e salata; scolate la verdura e tiratela grossolanamente. In un ampio tegame scaldate un 1/2 bicchiere di olio con lo spicchio di aglio schiacciato e i filetti di acciuga che avrete prima pulito dalle lische. Fate disfare le acciughe nel condimento, quindi unite la verdura, condite con sale e peperoncino e fate insaporire su fiamma moderata. Nel frattempo lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela nel tegame con le cime di rapa. Mescolate su fiamma vivace così che insaporisca, quindi portate in tavola.

Curiosità: La storia della ruta o meglio la leggenda, ci ricorda che Mercurio fornì la ruta ad Ulisse per vincere i veleni di Circe. Anticamente la ruta era ritenuta dotata di magici poteri, utili in particolare per liberarsi dagli spiriti maligni. Anche i druidi ed i saraceni ritenevano sacra questa pianta. Ipocrate e Teofrasto rispettivamente grande medico e botanico dell'antichità, attribuirono grandi virtù terapeutiche a questa pianta così coltivata fin dai tempi più antichi. Ritenevano questi illustri progenitori, che la ruta calmasse gli antichi epilettici, rinfrescasse la vista ed infine impedisse la procreazione. Tra gli autori più famosi, che ha qualche tipo hanno parlato della ruta è opportuno ricordare oltre al grande naturalista Plinio, Columella, Verrone, Cicerone, Anicio. La presenza di questa pianta tiene lontane le vipere. All' Elba, fino a qualche tempo fa, si regalava spesso un vaso di ruta, così come oggi si regala un vaso di ciclamini. Però la padrona di casa che riceveva il dono doveva in qualche modo "arrufianarsi" alla piantina che, secondo la tradizione popolare, una volta entrata in casa, poteva portare bene o male; tutto dipendeva dal modo in cui si accoglieva. Per tanto era ben rivolgerle subito un saluto del genere: "Buongiorno signora ruta! Ma come sei carina signora ruta! Accomodati signora ruta! Ben venuta signora ruta.......

A cura di Sara Fiandanese e Sardi Alessandro