Capoliveri Isola d'ElbaErbario


Erbario Piante e fiori dell'Isola d'Elba

Capoliveri Isola d'Elba :: Erbario :: Iperico (Hypericum Perforatum)

Iperico (Hypericum Perforatum)

iperico


Nome Popolare: Iperico , Perago

Nome Scientifico: Hypericum Perforatum

Descrizione: E' una specie provvista di stoloni, con fusto eretto alto 20-70 cm e molto ramificata. Le foglie sono opposte e presentano la caratteristica di avere, abbastanza visibili anche a occhio nudo, numerose ghiandoline che sembrano fiorellini e che danno il nome alla specie (perforatum). I fiori, che compaiono durante l'estate, sono di colore giallo. E' una specie tipica delle radure dei rilievi dell' Elba, tuttavia pu˛ trovarsi anche nelle zone collinari. Sul territorio elbano sono segnalate diverse specie di Hypericum.

Habitat: E' comune in molte zone dell'Isola d'Elba

Utilizzi terapeutici: L'Iperico Ú una pianta nota fin dai tempi remoti per le sue proprietÓ officinali. In epoche lontane era assai sfruttata per confezionare oli atti a lenire i dolori delle scottature.La moderna ricerca scientifica ha stabilito che particolari estratti di iperico sono efficaci contro le forme lievi e moderate di depressione.

Decotto per le ferite: 5 grammi di fiori di Iperico, 100 grammi di acqua. Far bollire i fiori nell'acqua per due minuti, filtrare ed utilizzare il decotto per lavaggi o impacchi su ferite, scottature o piaghe.

Olio di perago: All'Elba , da tempi remoti fino a qualche decennio fa (ed ancora oggi in qualche paesino) si utilizzava l'olio di perago per guarire le bruciature e le piaghe in genere. La preparazione Ŕ semplicissima e consiste nell'immergere i fiorellini di Iperico in olio di oliva ed un poco di vino bianco. Il tutto viene mescolato ben bene e chiuso in un vaso di vetro dove resterÓ per almeno 15 giorni (si consiglia l'esposizione del vasetto al sole). L'olio sarÓ poi filtrato e se ne useranno poche gocce per volta.

Data e luogo di raccolta: 4/4/2002 a Capoliveri

A cura di Nicola Luperini e Michele Crispu