Capoliveri Isola d'ElbaErbario


Erbario Piante e fiori dell'Isola d'Elba

Centonchio (Anagallis Foemina)

Centonchio.JPG (276948 byte)


Nome Popolare: Centocchio, Centone, Mor di gallina, Paperina, gallinella e Erba gallina.

Nome Scientifico: Anagallis foemina

Descrizione: Pianta della famiglia delle Primulacee, strisciante, con fusti fragili; le foglie sono ovate e appuntite; i piccoli fiori hanno petali azzurri che si aprono a mezzo giorno a forma di stella; è alta pochi centimetri.

Habitat: Diffusa in tutto il mondo, cresce soprattutto in luoghi umidi; All'Elba si trova soprattutto lungo fossi e zone meno aride.

Utilizzo: Tutta la pianta. Il Centonchio è una gustosa pianta selvatica ricca di proprietà medicinali che si lascia apprezzare non solo dal nostro organismo, ma anche dal nostro palato.

Cucina: Si consuma crudo in insalata o cotto come gli spinaci.

Medicina: Tutta la pianta è ricca di sali minerali, di oligoelementi (specialmente magnesio, silicio, potassio, fosforo, ferro e rame) e di vitamine del gruppo B e C. Contiene una certa quantità di saponine, che diminuiscono la tensione superficiale dell'acqua rendendola simile all' acqua saponata e che, all'interno delle mucose del nostro organismo formano una patina simile ad un schiuma sottile e durevole.

Espettorante: Il Centonchio si usa per curare ogni forma di bronchite per eliminare più facilmente i catarri bronchiali.

Antinfiammatorio: Utilizzato per via esterna, il Centonchio decongestiona la pelle irritata a causa di contusioni, abrasioni, ustioni ecc. o a causa di sostanze tossiche .

Curiosità: Il Centonchio oltre che espettorante ed emolliente, é anche un ottimo tonificante che si consiglia agli studenti e a chiunque si debba sottoporre a notevoli sforzi fisici o mentali.

Ricetta: Insalata di Centonchio Ingredienti: due manciate di Centonchio, due manciate di cardamine, ravanelli, fiori di salvia dei prati, senape, aceto, olio extravergine d'oliva, sale e peperoncino. Dopo aver pulito accuratamente le piante, tagliate i ravanelli a pezzetti, miscelate e condite con una emulsione di olio, aceto, sale, senape e un pizzico di peperoncino.

Data e luogo di raccolta: 27/02/2001 a CapoStella

A cura di: Alessandro Esposito& Francesca Argenti