Capoliveri Capoliveri Capoliveri

Preventivo Vacanza

Dalle origini dello Stemma al Marchio

Bandiera Capoliveri

Dalle origini dello Stemma al Marchio

Stemma Capoliveri

Le origini dello stemma di Capoliveri "D'argento al delfino di verde, attorcigliato intorno ad un'ancora di nero, col capo in giù", sono datate al 1906 quando il Comune, nato dall'aggregazione di due frazioni, si rese autonomo dalla comunità di Longone (poi Porto Longone e ora Porto Azzurro) di cui faceva parte dal XVII secolo. Capoliveri a quella data potè riprendere l'antico stemma di cui la comunità si fregiava prima dell'aggregazione a Portolongone. Tuttavia dobbiamo attendere il 1910 per avere l'atto ufficiale di adozione definitiva dello stemma. Infatti è nell'aprile di quell'anno che il Sindaco Francesco Fava presenta al Consiglio Comunale la copia dell'antico stemma rimessogli dalla Consulta Araldica di Firenze.
Così si esprime il Consiglio nella storica delibera n°1488 titolata "Stemma Comunale":
Il Consiglio
Vista la copia dello stemma dell'antico Comune di Capoliveri
Vista la descrizione della Direzione dell'Ufficio Araldico di Firenze
Ritenuto che si debba nuovamente adottare lo stemma che aveva Capoliveri prima che venisse aggregato a Portolongone;
Sicuro di interpretare i sentimenti dell'intera cittadinanza
Ad unanimità di voti resi per appello nominale
Delibera di adottare per Capoliveri costituito nuovamente in Comune Autonomo con il R. Decreto 29 Marzo 1906 lo stemma che questi aveva prima della di lui annessione al Comune di Portolongone:
che consiste in un delfino verde attorcigliato ad un'ancora nera in campo argento ...

Accertata quindi la fondatezza storica della simbologia dello stemma, procediamo a documentare le fasi che ci hanno indotto a concepire la realizzazione del marchio. Come sappiamo in passato l'economia del paese era basata essenzialmente sullo sfruttamento delle miniere di ferro, conosciute e utilizzate dagli Etruschi e poi dai Romani, e sulla produzione di cereali, uva e ortofrutticoli che costituivano anche oggetto di traffici commerciali con la terraferma. Oggi queste due attività non assicurano più il reddito ai suoi abitanti: le miniere sono chiuse dal 1981 e l'agricoltura occupa solo una piccola parte della popolazione attiva stimata intorno al 5%. Il paese ha conosciuto un grande processo di riconversione delle attività economiche attraverso lo sfruttamento delle risorse locali di richiamo turistico fino a raggiungere posizioni di tutto rispetto nella classifica delle località più ambite dai turisti italiani e stranieri. Dopo Firenze infatti è proprio Capoliveri a far registrare il maggior numero di presenze di turisti stranieri in Toscana. Tutto questo come si può facilmente intuire impone un'attenta politica di salvaguardia dell'immagine. Ed è proprio in questa direzione che per soddisfare alle nuove esigenze imposte dalle mutate condizioni di sviluppo, il Comune ha deciso di dotarsi di un marchio e canonizzare definitivamente le caratteristiche grafico cromatiche dei simboli istituzionali al fine di evitare riproduzioni contraffatte o scadenti che provocano evidenti danni d'immagine al comune stesso